Centro commerciale Cascina Fossata

Pubblicato: 9 aprile 2009 in News

La cascina Fossata tra via Ala di Stura e via Randaccio ha un grande valore storico. Da molti anni è abbandonata e nel tempo si sono succedute varie iniziative per recuperarla ad usi pubblici. Ad esempio, i bambini della scuola di via Randaccio avevano adottato il monumento e fatto proposte di riutilizzo, e un Comitato di cittadini alcuni anni fa era vissuto il tempo di scontrarsi con la non volontà comunale di espropriare l’area, visto il prolungato assenteismo della proprietà e i pericoli che rappresentava per l’igiene e per la sicurezza. Nel 2001 la cascina era stata stralciata dal progetto di Spina 4 ed integrata nel “progetto periferie” come area destinata a servizi, con forme di progettazione partecipata da parte dei cittadini.
Nel 2005 il cantiere del passante ferroviario s’insedia dentro il parco Sempione, quando avrebbe potuto sistemarsi altrove, su aree di proprietà delle ferrovie. Nel Parco è prevista una stazione, denominata inizialmente Rebaudengo. Successivi progetti vi farebbero convergere il capolinea della linea ferroviaria per Ceres con nuovo tracciato sotto corso Grosseto, e la futuribile linea 2 della metropolitana, oltre che la fermata della linea per Milano. Nella stazione sono previsti aree commerciali, e attorno ad essa parcheggi Quando il Comitato Difesa Parco Sempione denuncia gli intenti commerciali dell’operazione sui terreni delle ferrovie e dentro e attorno alla stazione, la Circoscrizione e anche alcuni cittadini dicono che sono i “soliti rompiscatole”. Poi la stazione Rebaudengo, ancora da costruire, cambia nome in Rebaudengo- Fossata. Il 4 febbraio del 2009 una delibera comunale “per il recupero della Fossata” è discussa in Circoscrizione. Leggete cosa c’è scritto (dal sito della Circoscrizione 5):
Innanzitutto si tratta di una (ennesima) variazione del Piano Regolatore. “La trasformazione prevede la realizzazione dell”intervento edificativo privato nell”area posta a nord della via Sospello e prevede la cessione gratuita alla città dell”area posta a sud, comprendente la cascina storica denominata “La Fossata”. Tale cascina è stata riconosciuta dal P.R.G. vigente, che ne ha previsto la destinazione a pubblici servizi, come edificio di interesse storico da tutelare” “Il P.R.G. prevede, nella scheda normativa di riferimento, per l’intera area a servizi, la destinazione ad attrezzature di interesse comune, oltre a spazi pubblici a parco per il gioco e lo sport. Nell”interesse di una più ampia valorizzazione dell”immobile e di una più ampia offerta di tipologie di servizio alla Città e al quartiere, vista anche la collocazione strategica della Cascina nell”ambito delle trasformazioni della Spina Centrale e della infrastruttura ferroviaria, si ritiene opportuno estendere ad altre tipologie di servizio il riuso funzionale della Cascina. In particolare, si propone di introdurre altre funzioni quali residenze collettive, mercati e centri commerciali pubblici, manifestazioni temporanee, ecc.” mercati? centri commerciali?
La Circoscrizione dà parere favorevole, a patto che:
1. E’ necessario prendere in considerazione l’utilizzo di formule giuridiche che consentano il pieno passaggio di proprietà della Cascina alla Città solo a seguito del buon esito della gara che la Città indirà per la trasformazione e il riuso della Cascina stessa;
2. L”attuale Proprietà dovrà farsi carico della sicurezza dell”area in oggetto, predisponendo opere di consolidamento che mettano al riparo la Cascina da ulteriori crolli e garantendo che gli spazi della Cascina stessa non siano oggetto di uso per attività illecite o occupazioni: pertanto si chiede di predisporre quelle opere murarie che garantiranno l”impenetrabilità da parte di soggetti estranei; Occupazioni?
3. La bonifica e la pulizia dell”area deve essere a carico della proprietà attuale;
4. Si chiede la conservazione e la valorizzazione del frutteto e degli orti esistenti entro il muro di cinta; 5. Nell”ambito dell”ampliamento delle possibilità di utilizzo dell”area, l”eventualità di prevedere un centro commerciale deve essere limitata ad una tipologia di piccole dimensione, prevedendo l”esistenza di più punti vendita al dettaglio (per esempio, la tipologia del Centro commerciale Verbene); per l”ipotesi mercato, si ribadisce che si deve trattare di un mercato tematico o comunque particolare, e non un nuovo mercato rionale; Comunque attività commerciali. Altro che centro civico, biblioteca, museo del quartiere ….. Ma è possibile che tutto si riduca a supermercati?
6. In merito ai volumi complessivi che l”area genera, si chiede che siano concentrati nell”attuale sagoma della Cascina e che comunque non superino i tre piani di altezza fuori terra, salvaguardando i muri di cinta ristrutturando le parti crollate mantenendo fedelmente l”architettura attuale; Perché c’è pure il rischio ci costruiscano un grattacielo nel cortile?
7. La progettazione delle nuove funzioni dell”area Fossata dovrà tener conto della necessità di prevedere il presidio e il servizio alla nuova Stazione Fossata Rebaudengo, anche prevedendo un funzionamento di attività in orari notturni concomitanti con l”apertura della Stazione stessa; a ciò si aggiunge la necessità di prestare particolare attenzione al potenziamento dei parcheggi; Presidio della stazione? ma non era stata “venduta” come elemento di riqualificazione del quartiere, del tipo: “chi non vorrebbe una bella stazione sotto casa”? E poi: aperta fino a notte! E con un sacco di parcheggi attorno. Quanti saranno messi dove c’era il Parco, attorno alla stazione (e/o sotto terra) e davanti alla cascina?
8. La Circoscrizione chiede inoltre il proprio pieno coinvolgimento sia nella stesura del bando di gara che dovrà portare all”individuazione di un soggetto privato attuatore e concessionario, sia nelle fasi della progettazione, che dovrà mantenere in prevalenza la caratteristica di pubblica utilità e di servizio per i cittadini.
Alla fine: 13 favorevoli, 6 astenuti, 4 assenti alla votazione e 2 fin dall’inizio.
Cioè una delibera che potrebbe mettere in discussione anni di mobilitazioni dei cittadini del quartiere che volevano fare della cascina Fossata un luogo pubblico di cultura passa con la maggioranza risicata dei nostri eletti in Circoscrizione. Oltre che senza vero coinvolgimento dei cittadini (alla faccia della progettazione partecipata!).

marzo 2009

Annunci

I commenti sono chiusi.